Benvenuti in Cooperativa Muratori di San Felice sul Panaro soc. coop. a r.l.

Cooperativa Muratori di San Felice sul Panaro

Attualmente sei su:

Partecipazioni Societarie

La “Cooperativa Muratori di San Felice sul Panaro” detiene partecipazioni societarie di collegamento in varie società immobiliari operanti nelle regioni Emilia – Romagna e Lombardia. I segmenti in cui operano le società partecipate spaziano dall’edilizia residenziale (appartamenti e villette a schiera) a quella industriale – artigianale (capannoni).

Le immobiliari partecipate detengono importanti consistenze immobiliari nelle seguenti località:

- Modena, via Salvo D’Acquisto – Falcone – Mattarella / Morane
- Modena, stradello Anesino / Ponte Alto
- Modena, via Vaciglio – Nuova Estense – Morane
- Modena, via Wiligelmo
- Castelnuovo Rangone (Mo) – via Monte Calvari
- Fiorano Modenese (Mo) – via Sacco e Vanzetti
- Sassuolo (Mo) – località Cà Marta
- Milano, viale Umbria n. 98
- Milano, corso di Porta Ticinese n. 32 (parco Basiliche).

Inoltre la “Cooperativa Muratori di San Felice sul Panaro” ha aderito al “contratto di rete” denominato “COSMO.coop” che riunisce alcune cooperative che operano in campi affini e / o complementari con l’obiettivo di creare un nuovo soggetto imprenditoriale con un Marchio di rete che possa rappresentare un insieme di imprenditori cooperativi specializzati nella realizzazione di interventi sul territorio e capaci di sviluppare proposte progettuali più complesse, attraverso principalmente l’attivazione di un servizio commerciale unitario capace di studiare ed analizzare opportunità e / o progetti di dimensioni maggiori e lavori più significativi rispetto a quanto le singole cooperative siano in grado di fare, sfruttando il valore della filiera espressione delle specializzazioni delle cooperative, facendo scelte tecnologicamente innovative nell’acquisizione e gestione dei lavori, l’integrazione e la valorizzazione delle informazioni e delle competenze nell’ambito della rete. Tale “rete” risulta particolarmente efficace nell’attuale fase post – sisma laddove è necessario attivare interventi di ricostruzione anche complessi che richiedono più operatori economici e che pertanto vedono nella “rete” l’indispensabile coordinamento delle rispettive azioni.